MSI Z97 Gaming 5 , il dragone e per tutti

  Dopo aver recensito la superba MSI Z97 Gaming 7 , e arrivata il redazione la sorella Gamin...

Pure Evoke D4: suono di qualità digitale

  Evoke è il prodotto di cui vi parleremo oggi nelle pagine che seguono. E' un prodotto un pò dif...

Design e prestazioni impressionanti con le Avexir Blitz Series 1.1

  Nel mondo dell'informatica non è rado incappare in prodotti buoni e performanti, ma la cui comm...

280X Toxic: Thaiti al TOP in casa Sapphire

  Sapphire ha alzato di molto l'asticella qualitativa per le sue schede video di fascia media - m...

La vera anima del dragone in una scheda: MSI Z97 GAMING 7

  Nell'ultimo anno MSI ha imparato a stupirci attraverso una vasta gamma di prodotti di elev...

ANTEC ISK 600

  Cari lettori dopo la recensione del mini ITX Silverstone: il SG08 Lite un mini ITX dalle n...

Arctic Accelero Twin Turbo III

    Arctic ha creato letteralmente un mercato nuovo, quello dei dissipatori aftermarke...

AOC A2472PW4T/BK: il tablet domestico

  AOC ci ha recentemente inviato un prodotto molto particolare che vi illustreremo nelle pro...

QNAP HS-210 Eleganza Passiva

  QNAP e da sempre sinonimo di NAS con una qualità di costruzione e progettazione esemplare, in q...

Noctua NH-D15 il top di gamma di Noctua esce allo scoperto

  Quando un design risulta vincente perché accantonarlo? Basandosi su questa riflessione la ...

Goclever Insignia 785PRO

  Quanti seguono con interesse il mondo della tecnologia, ma anche semplicemente quanti appr...

MSI A88X G45 GAMING Limited Edition: overclockers cosa aspettate?

    Rieccoci ad un nuovo appuntamento con la tecnologia! Oggi vi presenteremo un belliss...

Lucid Virtu MVP - Analisi del software per motherboard Z77 - Test – Parte 2 PDF Stampa E-mail
Lunedì 16 Aprile 2012 07:00
Indice
Lucid Virtu MVP - Analisi del software per motherboard Z77
Sistema test e metodologia
Il software
Test – Parte 1
Test – Parte 2
Conclusioni
Tutte le pagine

Test – Parte 2

 

Batman Arkham City non era presente in lista ed ha avuto alcuni problemi, mentre ad esempio Warhammer 40.000 DOW 2 era supportato ma.. non ne ha mai voluto sapere di andare né in I-Mode che D-Mode.

 

Per il primo ecco i risultati; mancano quelli della modalità HyperPerformance in D-Mode, dato che disattivare il Virtual Vsync porta ad un flickering e tearing semplicemente mostruoso fin dai menu, ma mentre in i-Mode almeno un giro al benchmark integrato siamo riusciti a farlo fare (pur con problemi alle texture e altri difetti grafici oltre allo sfarfallio) in d-Mode non è stato semplicemente possibile, il disco fisso ha iniziato a caricare spesso arrivando a veri e propri freeze durante il benchmark.

BatmanAA

 

Usare il Virtual Sync invece ha permesso una corretta visualizzazione del gioco, con qualche difetto di shading su certi oggetti in d-Mode, mentre in i-Mode non abbiamo fatto caso ad alcun glitch grafico. Anche qui PhysX di Nvidia era correttamente eseguito nonostante la virtualizzazione.

Vediamo come in i-Mode con Hyperperformance otteniamo frame al secondo massimi ben maggiori che con la sola GTX 560 anche se ricordiamo tale misurazione per come funziona Virtu MVP è da prendere con le pinze (leggersi meglio l'introduzione dell'articolo!).

I minimi sono però inferiori e quelli medi sono semplicemente identici. Ricordiamo però di come senza Virtual Sync il gioco offrisse un flickering spaventoso sia nei menu che nel rendering delle scene, ma come già detto, il gioco non è ancora supportato.

 

Prendendo in considerazione i risultati con la sincronia virtuale (ove il gioco non sfarfallava), in generale frame medi e massimi risultano sempre inferiori alla sola Nvidia 560, con solo i minimi che migliorano ma non sono comunque abbastanza, questo gioco in DX11 soffre ancora di problemi con hardware Nvidia usando le ultime librerie grafiche Microsoft e PhysX insieme. Peggiori le performance ancora una volta in d-Mode, Virtu quando funziona lo fa al meglio in i-Mode, per ora.

 

Passiamo ora ai test con Dirt 3 di Codemasters.

Dirt3

 

Cosa dicevamo poco fa? In questo test la modalità HyperPerformance in d-Mode offre risultati simili all'uso della sola GTX 560 non virtualizzata. In tutti gli altri casi pur non notando problemi grafici, i frame al secondo peggiorano; attivare il Vsync virtuale a nostro avviso va ad amplificare il tearing nei menu e su certi oggetti a lato del circuito più che lasciando la sincrionia disattivata ed il solo Hyperperformance.

 

Concludiamo con Battlefield 3. Uno tra i migliori shooter di sempre, ha un engine grafico stupendo ed al tempo stesso piuttosto scalabile. Non è ufficialmente supportato da Virtu MVP ma.. era comunque presente tra i profili preimpostati. Poi abbiamo capito il perché: sinceramente non ricordiamo che i programmatori di DICE avessero posto erba fluorescente sull'asfalto di questa scena (Operation SwordBreaker, la seconda missione):

BF3GrassHyperperf


Questo accadeva con ogni modalità di virtualizzazione; notare ulteriore erba “fluo” in fondo all'immagine!

BF3


Sorvolando su questo difetto, le prestazioni con HyperPerformance sono degne di nota, soprattutto in i-Mode, ma rimangono interessanti anche in d-Mode, pur se segnaliamo difetti di tearing più marcato che usando la sola GTX 560 e questo tearing si nota moltissimo nelle scene con lens flare o luce abbagliante, che sfarfalla in continuazione (letteralmente, la luce abbagliante mostra il tearing, ma non c'è su oggetti o personaggi!).

 

Attivare la sincronia verticale virtuale limita molto il tearing, ma introduce un fastidioso stutter, che è evidente dagli fps minimi soprattutto in i-Mode, mentre in d-Mode non abbiamo avuto un calo così grande ma l'effetto di stutter era presente e fastidioso; usando la GTX 560 senza Virtu, il gioco girava che era una bellezza.. ed anche senza forzare il Vsync il tearing rimaneva comunque meno marcato che usando MVP.

 



 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna